Posts tagged "farina di grano duro"

decorticazione del grano

La decorticazione del grano duro: cosa è e come la realizziamo

Dicembre 13th, 2019 Posted by News Eventi 0 thoughts on “La decorticazione del grano duro: cosa è e come la realizziamo”

Un primo, fondamentale, passaggio nella pulitura del grano è la decorticazione. Scopriamo insieme cosa è e perché rende le nostre farine dei prodotti salubri e sicuri.
Mentre in passato si macinava il grano e successivamente si rimuoveva la crusca dal prodotto molito, con la decorticazione del grano duro si procede in senso inverso, eliminando gli strati più esterni prima della molitura. Una piccola rivoluzione che ha portato grandi vantaggi su più fronti: da quello produttivo a quello della sicurezza igienico – sanitaria.
La decorticazione del grano duro è una novità relativamente recente nel processo molitorio: è stata introdotta circa venti anni fa e consiste, come anticipato, nella rimozione selettiva e sequenziale degli strati esterni della cariosside. Ponendosi a monte del processo produttivo della farina, si configura come un trattamento preventivo del grano che serve ad eliminare buona parte della crusca e delle impurità su di essa presenti, prima di procedere alla macinazione.

Senza entrare troppo nel dettaglio, la decorticatrice è dotata di mole in movimento che con le loro superfici ruvide, “grattano” il chicco che passa attraverso il macchinario entrando da un lato ed uscendo dall’altro. Attorno alle mole si trova un involucro cilindrico forato: il mantello, che permette l’allontanamento della crusca verso un filtro di raccolta esterno, con l’ausilio di flussi d’aria che la sollevano e la spingono verso di esso.

Nel nostro Mulino di Palazzolo Acreide abbiamo quattro decorticatrici ed effettuiamo una “decorticazione a due passaggi” che ci permette di effettuare una abrasione della superficie più efficace e più delicata rispetto a quella che si otterrebbe con un unico passaggio.

Quali vantaggi derivano dalla decorticazione del grano duro?

I vantaggi apportati da questi strumenti sono molteplici e su più fronti:

·        Sicurezza igienico sanitaria. Il primo e più importante effetto della decorticazione è ottenere delle farine sicure prive di residui nocivi che possono accumularsi sulla parte più esterna del grano. L’abrasione degli strati superficiali di crusca, infatti, ci permette di abbattere la carica batterica ed eliminare i residui di fitofarmaci eventualmente utilizzati nella coltivazione del grano.
Riduce in maniera considerevole, altresì, anche i livelli di metalli pesanti, pesticidi e della micotossina Don, che potrebbero essersi accumulati sul pericarpo.

·        Abbattendo la quantità di grano non lavorabile per dimensioni o struttura, questo processo ci consente di ridurre gli sprechi, permettendoci di compiere un ulteriore passo verso la eco-sostenibilità della produzione.

·        Riduzione significativa di quelle che in gergo vengono definite “ceneri”, ovvero quelle componenti della farina che rimangono integre dopo una carbonizzazione di almeno 6 ore ad una temperatura di circa 600°C. 

La tecnologia al servizio della qualità, questa è la scelta che facciamo ogni giorno.

pasta-fresca-con-semola-di-grano-duro-molino-san-paolo

Pasta Fresca Impasto Manuale

Marzo 2nd, 2017 Posted by Pasta, Ricette 0 thoughts on “Pasta Fresca Impasto Manuale”

Ingredienti per 8 – 10 persone

  • Semola rimacinata di grano duro g 600
  • Acqua a temperatura ambiente g 280

Procedimento

  1. Disporre la farina in modo che formi un vuoto al centro
  2. Versare il 50% dell’acqua all’interno del vuoto ed iniziare ad impastare
  3. Versare gradualmente la restante acqua durante l’impasto
  4. Terminato l’impasto, porlo in un recipiente chiuso e farlo riposare 30 minuti, il riposo ha il compito di elasticizzare l’impasto e renderlo più lavorabile.
  5. Terminato il riposo modellare la pasta nel formato desiderato
  6. La pasta una volta formata va posizionate in un vassosio spolverato con la semola, lo spolvero di semola ha il compito di non fare appiccicare la pasta sul vassoio.

Cottura

Versare la pasta in acqua bollente, una volta versata l’acqua smetterà di bollire per qualche minuto, attendere che l’acqua riprenda a bollire, e dal momento dell’ebolizione sarà cotta in 2-4 minuti.

Search

Seguici su Facebook

 

 

 

 

RESTA AGGIORNATO!

Iscriviti alla nostra mailing list per non perderti nessuna delle nostre novità!